la Striscia di Gaza

50 anni di occupazione dal 1967 e 10 anni di embargo 2007/2017

56% della popolazione sono bambini con gravi effetti post traumatici e disabilità

La vita nella Striscia a dieci anni con  tre operazioni militari e l'assedio esterno continua ad essere una

 prigione a cielo aperto!

Cosa serve ancora alla comunità internazionale ed europea per dire basta ai soprusi?

Collettivo Up messo sotto accusa

No alla repressione e alla chiusura degli spazi all' Università!

  L’Università ha avviato un procedimento disciplinare nei confronti di tre studenti membri del Collettivo Up – Attivismo critico, gruppo studentesco attivo dal 2015. Il motivo? Una serie di presunte violazioni del Regolamento Carriera studente durante le attività svolte dal collettivo stesso. Tra le imputazioni a carico dei tre, l’utilizzo di aule senza i relativi permessi, l’affissione abusiva di manifesti, l’imbrattamento e il danneggiamento di strutture e arredi interni all’ateneo. Dettagli e modalità dei presunti illeciti sono riservati fino al termine del procedimento, la cui notifica di avvio risale a lunedì 22 maggio. Gli studenti chiamati in causa hanno dieci giorni di tempo per presentare la propria difesa.http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2017/05/27/news/collettivo-up-messo-sotto-accusa-1.15402240

Rapporto ESCWA cancellato

Rapporto ESCWA cancellato: “Le prassi israeliane nei confronti del popolo palestinese e la questione dell’apartheid”

Il rapporto completo della Commissione ONU economica e sociale per l’Asia Occidentale (ESCWA) di Richard Falk e Virginia Tilley è stato rimosso dal sito web della Commissione delle Nazioni Unite (ESCWA).

La redazione di Zeitun ritiene molto importante tradurre e pubblicare almeno la sintesi del rapporto, che denuncia il regime di apartheid che Israele esercita contro il popolo palestinese sia all’interno dei propri confini che nei territori occupati, compresa Gerusalemme est.

Uno stralcio del "Compendio sintetico": Questo rapporto giunge alla conclusione che Israele ha stabilito un regime di apartheid che domina il popolo palestinese nel suo complesso. Consci della gravità di questa affermazione, gli autori del rapporto concludono che prove a disposizione dimostrano al di là di ogni ragionevole dubbio che Israele è responsabile di politiche e prassi che configurano il crimine di apartheid, in base alla definizione giuridica contenuta nella legislazione internazionale......

.... continua a leggere cliccando sull'immagine

 

YEMEN MARTORIATO DALLA GUERRA

Sana’a, 9 giugno 2017, Nena News – Almeno 13 milioni di civili, il 50% dell’intera popolazione in Yemen, lotta quotidianamente per cercare acqua pulita per bere o coltivare. Più di 14 milioni di yemeniti dipendono attualmente da aiuti umanitari.

 

A Sana’a si può usare l’acqua di rubinetto solo qualche volta alla settimana, a Taiz una volta al mese e nelle zone rurali il disagio è ancora peggiore. Le donne e i bambini possono camminare fino a quattro o cinque ore per la raccolta dell’acqua, con al seguito vecchie taniche di plastica o latta.

 

Tratto da NenaNwes

... La guerra colpisce tutto il popolo in più parti del mondo e soprattutto i bambini in Yemen come a Gaza e purtroppo l'elenco non finisce qui....

 

 

Il diritto contro la guerra. Aspetti giuridici della questione palestinese

 

  Convegno del 10 ottobre 2015 "Il diritto contro la guerra.Aspetti giuridici della questione palestinese" Particolare focusLo sfruttamento economico dei territori occupati palestinesi.

Palestina - Il commercio dei prodotti dei territori occupati, aspetti di illegittimità. La relazione tenuta da Dario Rossi approfondisce il tema dello sfruttamento economico dei Territori Occupati Palestinesi ed in particolare: llegalità della produzione e della esportazione da parte di Israele dei prodotti provenienti da parte dei Territori Occupati Palestinesi.

 Leggere in allegato la relazione.

 Il diritto contro la guerra. Aspetti giuridici della questione palestinese relazione Palestina relazione Palestina [813 Kb]