“ASCOLTARE PER FARLI UDIRE”

Un progetto di Salaam Ragazzi dell'Olivo Comitato di Trieste in partnership con l'associazione palestinese Emaar per il sostegno sanitario ai bambini a Gaza affetti da sordità.   Un serio e piuttosto diffuso problema della salute infantile a Gaza è quello della sordità ed è legato all'indiscriminato uso che l'esercito israeliano fa di bombe assordanti.    

 

SALAAM RAGAZZI dell’OLIVO

lancia una

CAMPAGNA di RACCOLTA FONDI

Per contribuire, con un gesto di solidarietà concreta, alle spese di manutenzione e gestione degli apparecchi audiologici destinati ai bambini  

 

Come donare per la campagna “ASCOLTARE PER FARLI UDIRE” 

  • Con bonifico bancario, beneficiario Ass.ne Salaam Ragazzi dell'Olivo Comitato di Trieste, causale “Ascoltare per farli udire “ IBAN:

 IT 28 Q 05018 02200 000000232436 

 

  • Presso la sede associativa in Via Torrebianca, 29/b Trieste (c/o Bottegadel Mondo Senza Confini Brez Meja) 
Come richiesto da Emaar, per il trasferimento del denaro raccolto ci si avvale della collaborazione del Gruppo Gazzella di Roma, anch'esso partner di Emaar per altri progetti, e i cui operatori hanno la possibilità di entrare a Gaza.
Campagna Emaar 2Campagna Emaar 2 [1.131 Kb]

INCONTRO CON IBRIQ

IBRIQ - GRUPPO CULTURALE

Sabato 24 settembre organizziamo un buffet palestinese. Lo scopo della serata e' duplice: raccolta fondi per le attivita' Ibriq e la presentazione del nuovo programma.  Dopo due anni di gruppi lettura abbiamo deciso di cambiare formula, percio' siete invitati ad unirci a noi al Posto delle fragole.

Maurizio Musolino

Maurizio Musolino ci ha lasciati.
Quelli che tra noi lo hanno conosciuto da vicino esprimono dolore, un
dolore umano profondo; tutti assieme subiamo la perdita di una volontà
politica, di una capacità organizzativa insostituibile. E non è meno
doloroso.
Al compagno Maurizio diciamo grazie per quello che ha fatto.
E grazie per ciò che lascia:
la volontà di continuare
Salaam Ragazzi dell'Olivo Comitato di Trieste

CONFLITTO IN YEMEN - COLPITO OSPEDALE

16 AGOSTO 2016 - COLPITO UN OSPEDALE DI MEDICI SENZA FRONTIERE (MSF)

Grazie ONU! Parte dei tuoi stessi stati membri non aderiscono allo statuto e/o alle risoluzioni, anzi nella guerra lucrano ed ecco che la recente risoluzione delle NU che chiede di porre fine agli attacchi contro le strutture mediche, rimane vuota di valore e applicazione oggettiva. Si accodano l’approvazione dello scorso aprile al Parlamento europeo della risoluzione contro gli attacchi ad ospedali e scuole, e le dichiarazioni a tutti i livelli, aride di significato per essere incisive in merito al rispetto del Diritto Internazionale Umanitario.

E’ INACCETTABILE 

“Ancora una volta un ospedale in funzione, pieno di pazienti e di staff MSF nazionale e internazionale, è stato bombardato in una guerra che non mostra alcun rispetto per le strutture mediche e i pazienti … E’ inaccettabile ha detto Teresa Sancristóval, responsabile dell’unità di emergenza in Yemen.

Secondo Msf i raid della coalizione guidata dall'Arabia Saudita hanno colpito l'ospedale di Abs di Medici Senza Frontiere provocando morti e feriti. Sabato scorso il bersaglio è stata anche una scuola nella provincia settentrionale di Saada, dove sono stati uccisi almeno 10 bambini.

La gente in Yemen continua ad essere uccisa e ferita mentre è in cura negli ospedali. Questo è un crimine di guerra.

E' L’ENNESIMO ATTACCO A STRUTTURE SANITARIE E CIVILI!

Medici senza frontiere chiede a tutte le parti del conflitto, e soprattutto alla coalizione a guida saudita responsabile del bombardamento, di garantire che attacchi simili non accadano più.

http://www.medicisenzafrontiere.it/notizie/news/yemen-ospedale-colpito-da-attacco-aereo-11-persone-uccise-e-almeno-19-feriti

Il diritto contro la guerra. Aspetti giuridici della questione palestinese

 

  Convegno del 10 ottobre 2015 "Il diritto contro la guerra.Aspetti giuridici della questione palestinese" Particolare focusLo sfruttamento economico dei territori occupati palestinesi.

Palestina - Il commercio dei prodotti dei territori occupati, aspetti di illegittimità. La relazione tenuta da Dario Rossi approfondisce il tema dello sfruttamento economico dei Territori Occupati Palestinesi ed in particolare: llegalità della produzione e della esportazione da parte di Israele dei prodotti provenienti da parte dei Territori Occupati Palestinesi.

 Leggere in allegato la relazione.

 Il diritto contro la guerra. Aspetti giuridici della questione palestinese relazione Palestina relazione Palestina [813 Kb]